Skip to Content

Attività e progetti in corso

Versione stampabileSend by email

In questa pagina trovate la descrizione delle attività e dei progetti in corso e, al termine, l'archivio delle attività concluse. Il programma delle attività previste per il 2012 è stato approvato dal Comitato d'indirizzo nella seduta del 13 marzo.

 

 

L'ASSEMBLEA GENERALE

L'incontro si è svolto interamente in plenaria il 26 ottobre ed è stato presieduto dai referenti dei tre enti costitutivi del Coordinamento. Hanno partecipato assessori alle politiche giovanili, dirigenti, operatori e responsabili dei servizi IG aderenti alla rete del Coordinamento. Il programma della mattinata prevedeva l'illustrazione delle attività in corso per il 2012, approvate dal Comitato d'indirizzo nel marzo dello stesso anno. In special modo ci si è soffermati sulla proroga del Protocollo d'intesa che comporta l'abozione delle quote di adesione a partire dal 2013 e la realizzazione del logo comune degli IG del Piemonte. Sono state presentate inoltre le attività di formazione rivolte agli operatori IG e le bozze di portale informativo per i giovani al quale attualmente si sta lavorando.

 


LA PRODUZIONE E LA DIFFUSIONE DELLA BANCA DATI E DELLE SCHEDE ORIENTATIVE

La redazione centrale delle risorse informative attualmente utilizzate dai servizi IG piemontesi ha sede presso il centro InformaGiovani di Torino ed è un’attività finanziata dalla Regione Piemonte. La redazione si occupa della produzione e diffusione della Banca Dati e delle Schede Orientative, che costituiscono un patrimonio informativo comune a tutti i servizi e strumenti utili per fornirer risposte adeguate alle richieste dei giovani. Anche quest'anno è previsto l'aggiornamento di tutti i documenti già esistenti, attraverso l’utilizzo delle principali fonti informative cartacee e on-line. Le informazioni già presenti saranno oggetto di verifica e, se necessario, d'integrazione e rielaborazione, alla luce di eventuali modifiche intervenute, anche in ambito normativo. Inoltre sia la BD sia le Schede verranno arricchite di nuovi argomenti e nuovi titoli, tenendo conto sia dei bisogni espressi dai giovani, sia dei suggerimenti degli operatori IG. Oggi vi sono circa 1.430 documenti di BD e 326 Schede, che costituiranno la base informativa del nuovo portale regionale, che andrà completata con informazioni a carattere locale. L'attività di redazione e aggiornamento dei documenti si andrà infatti ad intrecciare con la sperimentazione individuata dall'APQ piemontese per la costruzione del sistema informativo regionale. Tuttavia si rendo noto che, momentaneamente, dal 1° giugno 2012 gli aggiornamenti dei documenti di banca dati e delle schede orientative sono sospesi in attesa dell'aggiudicazione dell'appalto per la nuova gestione.

 


IL PROCESSO DI INDIVIDUAZIONE DEI MANDATI E DELLE FUNZIONI DEGLI IG

Il Coordinamento Regionale lavora da anni per costruire linguaggi, identità e obiettivi comuni a livello operativo tra i vari servizi. Si tratta ora di condividere maggiormente e a livello più capillare lo sviluppo della rete con i decisori politici e amministrativi. L’auspicio è quello di costituire un terreno comune per condividere le conoscenze, rafforzare la capacità di fare rete, offrire servizi più omogenei sul territorio piemontese e costruire i presupposti per lo sviluppo di un sistema informativo regionale realmente efficace, efficiente e integrato.
In quest'ottica nel 2011 ha avuto inizio, con i workshop organizzati nell’ambito dell’Assemblea generale del Coordinamento, un percorso di riflessione, affidato a due docenti universitarie: Anna Rosa Favretto, professore associato in Sociologia giuridica, della devianza e del mutamento sociale presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università del Piemonte Orientale e Francesca Zaltron, membro del Dipartimento di Ricerca Sociale dell’Università del Piemonte Orientale. Le docenti hanno rilevato che il problema fondamentale emerso dai workshop è di fatto relativo al mandato e alle funzioni dei servizi e si è ritenuto pertanto opportuno affidare loro un ulteriore approfondimento perché venga prodotto qualcosa che accompagni il sistema a creare occasioni per sbloccare la differenza di mandati tra il livello politico e il livello tecnico e che fornisca strumenti utili per una maggiore integrazione tra politica e operatività. Le docenti sono state quindi invitate a presentare una proposta di percorso atto a confrontarsi sui mandati autoattribuiti dagli operatori e quelli eteroattribuiti da tutti i soggetti coinvolti (i giovani, gli amministratori, i superiori amministrativi) in modo che i servizi possano ricostruire i propri mandati in maniera condivisa ed esplicitata. Dopo l'approvazione della proposta di percorso da parte del Comitato d'Indirizzo, è proseguita ed è stata portata a termine la raccolta dei documenti di sintesi richiesti agli Informagiovani. Tutto il materiale inviato è stato in seguito analizzato dalle docenti. Durante l'Assemblea generale dell'ottobre 2012, sono state presentate le riflessioni conclusive sul percorso e le docenti hanno restituito alla rete una relazione finale che illustra, appunto, concordanze e discordanze tra le visioni che assessori, funzionari e dirigenti, operatori e utenti dei servizi hanno espresso rispetto alle funzioni e ai mandati attribuiti ed eteroattribuiti a questi ultimi.

 


 

 IL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE INTEGRATO: UNA SPERIMENTAZIONE ANNUALE 

 

Il 30 marzo 2011 il Comitato d’indirizzo ha approvato una proposta per l’APQ della Regione Piemonte, relativa alla costruzione del sistema informativo regionale integrato.

Questa proposta prevede la sperimentazione di: tre redazioni decentrate di operatori (Biella, Bra e Vercelli) che implementeranno la Banca dati e le Schede orientative con informazioni locali e sei redazioni decentrate di giovani (Alessandria, Borgomanero, Cuneo, Ivrea, Pinerolo, Verbania) che opereranno in stretta collaborazione con i relativi Informagiovani, forniranno contributi informativi sottoforma di articoli, video-interviste, photogallery, blog e alimenteranno la comunicazione tra pari. Inoltre, poiché manca una realtà a copertura del territorio astigiano, si è proposto di sostenere la riapertura dell’Informagiovani di Asti, che una volta a regime sarà coinvolto nelle azioni di sistema. Tutte le risorse informative prodotte dai vari soggetti coinvolti nel progetto andranno a confluire su un portale regionale che sarà realizzato con fondi del Coordinamento e utilizzerà l’attuale piattaforma di questo sito.

Nel mese di giugno i docenti dell'Unversità di Torino - Dipartimento Culture politiche e società che stanno lavorando al progetto del rinnovo dei documenti della Banca dati hanno condotto le giornate di formazione sulle tecniche di scrittura e sulla comunicazione pubblica rivolte ai giovani delle redazioni. Alcuni momenti della formazione sono stati tenuti dai quattro studenti, scelti con apposito bando dall'Università, per il rinnovo della Banca dati.

 


I PERCORSI DI FORMAZIONE SULLA MOBILITA' INTERNAZIONALE E LE NUOVE FIGURE PROFESSIONALI

E' stato previsto anche per il 2012 un programma formativo basato sui bisogni rilevati e destinato a tutti gli operatori e responsabili dei servizi. Oltre a una mezza giornata di aggiornamento sul nuovo sistema di emissione della carta giovani regionale Pyou Card a cura dell'Associazione Torino Capitale, è stato organizzato quindi un modulo sulla mobilità internazionale e in particolare sulla ricerca delle opportunità di lavoro, formazione e volontariato all’estero da parte dei giovani. La scelta di questo modulo, che si sviluppa nell'arco di quattro giornate di formazione, è dettata dalla necessità di migliorare i servizi di informazione/consulenza offerti allo sportello e di fruire di un aggiornamento sulle fonti informative più complete per i giovani che vorrebbero fare un’esperienza formativa e/o lavorativa all’estero e sulle dinamiche attuali e future del mercato del lavoro in Europa e nel mondo. Il corso è tenuto dal formatore di Eurocultura ed esperto di mobilità internazionale, Bernd Faas, è in fase di svolgimento e terminerà alla fine del mese di novembre.

E' stato messo in programma, come completamento e approfondimento del precedente corso sulla ricerca attiva del lavoro, un ulteriore percorso di formazione sulla riforma del mercato del lavoro, sull’andamento e previsioni di sviluppo di alcuni settori produttivi e su specifiche figure professionali.

 


IL LOGO DEGLI INFORMAGIOVANI DEL PIEMONTE

Per identificare tutti gli Informagiovani presenti sul territorio piemontese è stato realizzato un logo unico che renda meglio riconoscibili i servizi.

Il logo, studiato e realizzato dall'agenzia Eggers2.0, che per la sua ideazione si è avvalsa di un pool di giovani, è stato presentato ufficialmente durante l'Assemblea generale e verrà consegnato al più presto alla Camera di Commercio di Torino per la registrazione. Una volta depositato sarà utilizzabile dai servizi, in quanto da quel momento già tutelato.

Il manuale d’uso, indispensabile per poter cominciare ad adottare il logo in tutte le sue declinazioni, sarà reso disponibile attraverso il sito del Coordinamento immediatamente dopo il deposito a cui seguirà l’invio di una comunicazione ufficiale a tutti gli Informagiovani.
 


I SEMINARI TEMATICI

Oltre ai consueti percorsi di formazione e aggiornamento per gli operatori dei servizi si è pensato di organizzare sul territorio regionale 3 seminari aventi al centro temi d'attualità e d'interesse giovanile.

L’obiettivo è il rafforzamento dei legami di collaborazione locale e la funzione di area di alcuni IG, nonché la costruzione di alleanze territoriali insieme a tutti coloro che lavorano sul territorio per e con i giovani.

L'organizzazione di queste giornate è stata affidata ai Comuni di Mondovì, Nichelino e Novara, rispettivamente per i giorni 15 dicembre, 20 novembre e 31 gennaio, e sui seguenti temi: i giovani e il web, i giovanili e le politiche giovanili, il gioco d'azzardo.

 


"IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIOVANI"

Il progetto del Coordinamento per la mobilità internazionale, denominato "Il Giro del Mondo in 80 Giovani", ha visto finora la partecipazione di 21 Informagiovani piemontesi insieme ai quali è stato consolidato negli anni attraverso periodici momenti di confronto e monitoraggio del suo andamento.

Nell'anno in corso si sta lavorando alla costruzione di una rete di partner che operano nell'ambito della mobilità giovanile, per dare l'opportunità a un numero sempre maggiore di ragazzi di partecipare e raccontare la propria esperienza all'estero. I soggetti istituzionali sono l'Università e il Politecnico di Torino, l'Università del Piemonte Orientale, EURES Piemonte e Europe Direct. Per consolidare maggiormente la conoscenza e la promozione del progetto nei territori in cui si trovano i servizi IG che partecipano a "Il Giro del mondo in 80 giovani", si stanno intensificando i rapporti di collaborazione con varie associazioni e realtà che possono facilitare il coivolgimento di giovani in qualità di reporter.

Si invitano tutti gli Informagiovani a visitare il sito www.80giovani.it, a prender visione della guida che raccoglie le istruzioni per gli operatori e ad agganciare giovani in partenza per l’estero, invitandoli a compilare la scheda di iscrizione, perché raccontino di sé in collaborazione con l’IG.

 

 


>> ATTIVITA' CONCLUSE